lunedì , 22 ottobre 2018
Home » News » Un pomeriggio speciale

Un pomeriggio speciale

DIGITAL CAMERAMartedì 20 novembre il Gruppo Giovanissimi di seconda superiore ha trascorso un pomeriggio davvero speciale in compagnia degli ospiti della casa di riposo “Guizzo Marseille”, a Selva del Montello.
I nostri giovani sono stati accolti da Giorgia, responsabile delle attività ricreative, che ha spiegato loro la divisione dei reparti, le attività ed il prezioso lavoro degli operatori e dei volontari; successivamente Giorgia ha accompagnato i ragazzi ad una rapida visita della struttura dando loro la possibilità di conoscere gli ospiti che avrebbero poi accompagnato all’attività del giorno: la “lettura del giornale”.

L’attività si svolgeva in una sala, per accogliere tutti coloro che avessero voluto partecipare, e consisteva nel raccontare agli ospiti alcune notizie di cronaca, precedentemente scelte dagli educatori, tra quelle che potessero offrire spunti per interventi, commenti e racconti; i ragazzi hanno così potuto partecipare ad un momento molto bello ed importante di condivisione, di ricordi e storie di vita nel quale si sono piacevolmente intrattenuti fino alle 17.00 circa, quando l’attività si è conclusa con un’allegra bicchierata, tante foto e sorrisi!

Data la risposta, molto positiva, all’uscita del 20 novembre, il Gruppo ha partecipato anche alla festa di Natale del 23 dicembre, durante la quale è stato omaggiato con un grazioso calendario ed un tesserino che gli dà il titolo di “volontario” (tesserino che forse qualche ragazzo userà presto!)… una bella soddisfazione!
Durante questa attività i ragazzi si sono confrontati con emozioni contrastanti rivelandoci come, alcune volte, la felicità e l’allegria dello stare assieme, lasciasse spazio alla consapevolezza del dolore e della solitudine che vivono molti anziani; ma l’obiettivo che noi animatori ci eravamo prefissi è stato ampiamente raggiunto: i ragazzi si sono avvicinati ad una realtà dura ed a volte scomoda, hanno scelto di partecipare superando la pigrizia, e anche un po’ la paura, per fare un servizio, impegno alla base di ogni gruppo e del concetto stesso di comunità.

Da rifare al più presto!

Rispondi